Federanziani

Sanità in Cifre

figli e famiglia

Il Giornale del Web

Family Tv

FederAnziani: Tar Campania ristabilisce il diritto alla salute


Annullato il decreto commissariale in Campania che impediva ai cittadini residenti nella Regione di curarsi nelle Regioni limitrofe La Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute e FederAnziani, federazione della terza età, plaudono al tribunale amministrativo regionale della Campania che in nome del popolo italiano ha ristabilito con sentenza il diritto alla salute falcidiato dal decreto 156/2012 della struttura commissariale regionale pubblicato sul burc n.19 dell’8 aprile 2013. Gli anziani italiani, in particolare i residenti della Regione Campania, plaudono non solo al contenuto della sentenza, ma soprattutto alla tempestività con cui l’illustrissimo tribunale ha adottato un provvedimento di annullamento, in meno di 60 giorni, ritenuto da FederAnziani record nazionale, ordinando alla Regione che la sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa. Infatti secondo il tribunale non emergevano sufficienti ragioni “costituzionali” che giustificassero la restrizione del diritto alla salute protetto dall’art. 32, incidendo irragionevolmente sulla libertà di scelta del luogo di cura, senza perseguire gli obiettivi di contenimento della spesa pubblica. Inoltre le limitazioni imposte dal decreto in questione risultavano discriminanti rispetto alle sole Regioni a cui si applicava, ovvero quelle limitrofe alla Campania. Infine, i ritardi registrati nella composizione delle commissioni che avrebbero dovuto rilasciare il “nulla osta”, rischiavano di costituire un ulteriore aggravio ai danni dei cittadini. “Sempre di più” dichiara il Presidente di FederAnziani Roberto Messina in rappresentanza della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute “ci troviamo di fronte a regole certe (costituzionali) vessate da regole locali che vengono imposte senza alcun fondamento di diritto, e sempre di più l’impegno di FederAnziani è volto a difendere il diritto alla salute così come sancito dalla Carta Costituzionale”. “Non a caso” conclude il Presidente Messina “lo staff di FederAnziani, attraverso l’informazione che viene dagli oltre 3 milioni di aderenti alla federazione, vigila e vigilerà sempre di più su ogni provvedimento delle Regioni, Asl, Asp, a tutela non solo degli aderenti a FederAnziani ma di tutti i cittadini italiani”. Roma, 26 giugno 2013

Categoria: Comunicati Stampa

Registri della salute

Un progetto di valutazione della prevalenza delle principali patologie degli anziani.

  • Patologie cardiocircolatorie
  • Patologie respiratorie
  • Patologie oncologiche
  • Patologie urologiche
  • Patologie osteoarticolari
  • Diabete e dialisi
  • Dolore cronico

310.675

Questionari raccolti