Federanziani

Sanità in Cifre

figli e famiglia

Il Giornale del Web

Family Tv

Dipartimento Malattie Cardiocircolatorie

Scarica il Dossier Dipartimento Malattie Cardiocircolatorie 28-10-2012  

 

LAVORI DELLA COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE  

 

ANALISI DELLE CRITICITÀ ANNO 2012

• Il punto di vista dei pazienti

• Il punto di vista legale

• Criticità nella gestione del paziente iperteso nella “Real life”

• L’impatto della continuità terapeutica e dell’aderenza al trattamento sulla qualità di vita del paziente iperteso

• Problematiche nel controllo della pressione del sistema cardiocircolatorio

• Il ruolo chiave della medicina generale sulla gestione del paziente iperteso

• Varie ed eventuali  

 

SOLUZIONI E SOSTENIBILITÀ: SINTESI

1. Consapevolezza che l’ipertensione arteriosa aumenta con il passare degli anni, fino a raggiungere circa il 50% negli individui con età > 65 anni.

2. Consapevolezza che la pressione arteriosa aumenta il rischio di eventi cardiovascolari

3. Difficoltà dell’applicazione “tout-court” delle linee guida scientifiche nei soggetti anziani, in funzione delle comorbilità e del grado di fragilità (perdita di funzioni psico-fisiche).

4. Terapia Personalizzata: Cautela nella riduzione dei valori pressori nell’anziano, in quanto una riduzione eccesiva, specie nei soggetti più fragili, potrebbe indurre un aumento della mortalità cardiovascolare.

5. Necessità di aumentare l’aderenza e la persistenza al paziente anziano al trattamento antipertensivo perché la presenza delle comorbilità e la perdita delle funzioni, soprattutto quelle cognitive, nonché la politerapia, condizionano una discontinuazione del trattamento.

6. Necessità di recupero del rapporto medico-paziente al fine di limitare l’utilizzo di farmaci generici consigliati dal farmacista.

7. Opportunità di veicolare, attraverso gli anziani, messaggi positivi di educazione sanitaria nell’ambito familiare, ad esempio: gli anziani come testimonial per campagne di prevenzione ed educazione degli stili corretti di vita alle giovani generazioni (i nipoti), affinché si educperhi ad una reale prevenzione delle malattie cardiovascolari a cui l’ipertensione è associata (stili di vita sani, attività fisica, corretta alimentazione).

8. Educazione all’automisurazione della pressione arteriosa per ottimizzare il controllo pressorio e razionalizzare le risorse economiche-patrimonaili. Applicazione della telemisurazione a medio-lungo termine.

9. Accordi commerciali/convenzioni tra l’industria alimentare ed il Governo, la fine di ridurre la concentrazione di sodio negli alimenti.

10. Migliore definizione degli indicatori di controllo e loro allocazione della spesa, non in funzione esclusiva del badget, attraverso la collaborazione di clinici, pazienti ed amministrativi.

11. Sensibilizzare i pazienti all’assenza della certezza in medicina, ma alla reale riduzione del rischio.  

 

Primo Congresso Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Montesilvano (Pescara), 27-28 ottobre 2012

Registri della salute

Un progetto di valutazione della prevalenza delle principali patologie degli anziani.

  • Patologie cardiocircolatorie
  • Patologie respiratorie
  • Patologie oncologiche
  • Patologie urologiche
  • Patologie osteoarticolari
  • Diabete e dialisi
  • Dolore cronico

310.675

Questionari raccolti