Federanziani

Sanità in Cifre

figli e famiglia

Il Giornale del Web

Family Tv

FederAnziani: terrorizzati da emorragia Fondo Sanitario Nazionale


Messina: disponibili a confronto per raggiungere obiettivi di bilancio senza danneggiare qualità del servizio sanitario

Roma, 15 settembre 2015 – “Siamo terrorizzati dall’inarrestabile emorragia del Fondo Sanitario Nazionale alla quale stiamo assistendo inermi, e siamo disposti a difendere il Servizio Sanitario ad ogni costo”. A dichiararlo è Roberto Messina, Presidente di FederAnziani Senior Italia, che prosegue: “In riferimento alle dichiarazioni del Presidente del Consiglio relative al possibile congelamento di altri 3 miliardi di euro del Fondo Sanitario, il cui incremento per tale importo era previsto dalle precedenti normative,  osserviamo che tale riduzione, sommata ai tagli di 2,35 miliardi di euro già effettuati nel corso del 2015, metterebbe in seria difficoltà le Regioni nell’erogazione dei servizi minimi essenziali ai pazienti. Poiché le voci che maggiormente incidono sulla spesa sanitaria sono quelle fisse, e pertanto più difficili da tagliare (tabella e grafico allegati), è certo che i risparmi in questione arriverebbero da ulteriori tagli ai servizi per i cittadini. A fare le spese di questa situazione – prosegue Messina - sarebbero anzitutto gli anziani poiché, come è noto, il 65% dei costi sanitari sono legati ai bisogni di salute degli over 65, che peraltro godono di pensioni mediamente inferiori agli 800 euro mensili e quindi non possono ricorrere al settore privato. Di fronte a questa situazione FederAnziani Senior Italia, con l’approccio costruttivo che la contraddistingue, si rende disponibile a un confronto tecnico con Governo e Regioni, per individuare soluzioni che consentano di raggiungere gli obiettivi di bilancio senza danneggiare la qualità dei servizi sanitari. Siamo certi che solo percorrendo questa strada sarà possibile tutelare al meglio il benessere dei cittadini, garantire serenità alla popolazione anziana e scongiurare il ricorso a vigorose proteste che sarebbero inevitabili di fronte alla perdita del diritto alla salute”.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF

 

Categoria: Comunicati Stampa

Registri della salute

Un progetto di valutazione della prevalenza delle principali patologie degli anziani.

  • Patologie cardiocircolatorie
  • Patologie respiratorie
  • Patologie oncologiche
  • Patologie urologiche
  • Patologie osteoarticolari
  • Diabete e dialisi
  • Dolore cronico

310.675

Questionari raccolti